28 Settembre 2020
More

    Terre di “mafia”.

    In un terra di mafia,dove scrivere per informare diventa una questione di lotta all’indifferenza e omertà, la frase:

    n’ mutticeddu ogni tantu ci voli

    ci sta nel linguaggio mafioso, proprio per rimarcare la differenza di razza,la nostra dalla loro!

    Una frase del genere diventa quasi un segno di gratitudine per chi da sempre si è arricchito sulle spalle della povera gente siciliana,dimostra semplicemente che hanno paura di chi scrivere i loro nomi e loro malefatte pubblicamente senza nascondersi.

    Certo,poi sono arrivati i colletti bianchi, altre pecore in cerca di padrone – come chi sotto sta ai mafiosi – , che non riuscendo ad esprimersi da soli e convalidando alla società di essere pari a zero,hanno subito cercato padrone,cosa possiamo farci?

    Tutto il mondo è paese,o meglio,tutta Italia è Palermo!

    I capi si arricchiscono e ordinano, le pecore obbediscono,sparano,vengono ammazzati – se gli va bene – oppure finiscono in carcere per moolto tempo.

    Tutto questo è mafia!

    Ammazzano per una dose di droga, per un funerale,per un voto o peggio ..

    Lasciamo i loro figli con un insegnamento:nun ti fari mettiri i peri na testa..ma loro sono state pecore per più di un padrone,e allora cosa dire ai nostri ragazzi:

    siate liberi e onesti, abbiate cura della vostra libertà, realizzatevi con e per gli altri ,la mafia è una merda!

    Leggete il libro di Paolo Borrometi, solo così capirete perché la mafia è una montagna di merda,e perché noi continuiamo a combatterla col sorriso sulle labbra!

    a cura di Maurizio Inturri

    Lascia un commento

    Maurizio Inturrihttps://amattanza.it
    Si occupa di mafia e criminalità organizzata. Ha collaboratorato con diverse testate giornaliste online e cartacee. Il suo percorso inizia nel lontano 2015 con ReteRegione, poi collabora con LaSpia, Diario1984, L'Attualità, Cisiamo e infine IlFormat. Nel gennaio 2020 si iscrive al sindacato WorKPress e gli viene attribuito il tesserino internazione di giornalista e reporter come da normativa europea e internazionale. Ha partecipato a diverse conferenze sul tema mafia e criminalità organizzata. Autore dei libri Cogito ergo sum..ma non troppo (2015) e L'Antistato vol.I° (2019)

    Ultimi Articoli

    Colpo al narcotraffico: sequestro di 1000 piante

    Sono state sequestrate circa 1000 piante di cannabis indica in due diversi terreni a Reggio Calabria. La scoperta delle...

    Siracusa: Che fine ha fatto l’antimafia?

    In questi mesi, un pò tanti, l'antimafia civile è scomparsa e sembra che quella regionale faccia orecchie da mercante.

    Piazze di spaccio: sequestrate droga e armi

    Gli agenti della Questura di Siracusa, nella giornata di ieri, hanno compiuto tre arresti intorno alle due famose piazze di spaccio di...

    Davide Cassia attacca con insulti

    Pubblichiamo il secondo articolo delle parole che Davide Cassia ci ha rivolto. Questa volta potrete ascoltare direttamente le sue parole, e delle...

    Potrebbero interessarti

    Lascia un commento