Archivio Attualità Borrometi.Intervista esclusiva alla RT!

Borrometi.Intervista esclusiva alla RT!

-

- Advertisment -

Il noto giornalista siciliano Paolo Borrometi ha subito ripetute minacce di morte dal 2013. Sulla scia della fuga di registrazioni di boss della mafia che discutevano su un altro piano per ucciderlo, RT ha incontrato il reporter ribelle.
Borrometi, direttore del sito antimafia La Spia, dice di aver vissuto un incubo negli ultimi anni. Nell’aprile 2014 Borrometi è stato attaccato da un gruppo di uomini.

“Per prima cosa ho ricevuto avvertimenti, poi lettere contenenti proiettili e poi telefonate anonime”, dice Borrometi. “Poi, un giorno, sono stato attaccato, sono stato aggredito da due uomini incappucciati e da allora ho avuto una spalla ferita. ora vivo sotto la protezione dei carabinieri da quattro anni “.

Paolo Borrometi (Fonte NY Times)

Borrometi, 35 anni, dice che almeno cinque clan mafiosi lo vogliono morto, ma sembra non essere sorpreso dai tentativi di intimidazione.

“Ho lanciato 40 casi criminali contro quasi 30 boss mafiosi, ma questi boss della mafia hanno cercato di uccidermi comunque, sono riuscito a salvarmi da un attacco grazie all’abilità dei carabinieri”, dice a RT in un’intervista esclusiva.
Una registrazione trapelata di recente ha rivelato piani di boss della mafia siracusana provenienti dalla Sicilia per “uccidere il giornalista scomodo”.

Il giornalista, che ha indagato sulle attività illegali dei clan, dice che la famigerata mafia italiana ha reagito dal baratro perché la società si è compiaciuta della lotta contro di essa e ha creduto che Cosa Nostra avesse perso il suo potere.
“Pensavamo che la mafia fosse sconfitta”, dice Borrometi, “abbiamo pensato questo perché gli attentati sono finiti, perché sono stati fatti arresti, non capivamo che la mafia stava cambiando radicalmente, si infiltrava nello stato e negli enti pubblici. la mafia è solo un problema italiano, ma sfortunatamente non è vero: la mafia si è diffusa dall’Italia all’Europa e al mondo “.
Borrometi ritiene che non ci sia stata sufficiente copertura del problema negli ultimi anni.”Molti giornalisti non pubblicano nomi o foto di boss mafiosi”, dice, “molti dei miei colleghi non fanno alcun giornalismo investigativo, pubblico nomi e cognomi, pubblico foto e, soprattutto, cerco di seguire i loro schemi di business, i loro soldi: questo è un business con miliardi, non milioni, stiamo parlando di miliardi di euro ..”

“Molti giornalisti non pubblicano nomi o foto di boss mafiosi”, dice, “molti dei miei colleghi non fanno alcun giornalismo investigativo, pubblico nomi e cognomi, pubblico foto e, soprattutto, cerco di seguire i loro schemi di business, i loro soldi: questo è un business con miliardi, non milioni, stiamo parlando di miliardi di euro ..”
I messaggi di supporto per Borrometi stanno guadagnando slancio sui social media e molti hanno acclamato il suo coraggio di fronte a violenze e minacce.

“Solidarity with the Sicilian journalist @paoloborrometi, victim of serious threats from the mafia. The @CislNazionale [an Italian trade union association] is at the side of all journalists who, with their independent investigations, fight for the law against any abuse.”

Fonte RT

Lascia un commento

Ultimi articoli

Estorsioni a viso scoperto

Il nuovo clan di Siracusa, che in tutto e per tutto si sostituisce al vecchio, sta impadronendosi...

Caso Saguto: Tutti condannati

L'ex giudice Silvana Saguto è stata condanna a 8 anni e 6 mesi di reclusione nel processo...

Caso Saguto: Procura chiede 15 anni

Al via l'ultima udienza, presso l'aula bunker del carcere Malaspina di Caltanissetta, che vede imputata Silvana Saguto,...

Operazione Grande Carro: I Ros tra la Puglia e la Campania

È stata denominata Grande Carro l'operazione antimafia eseguita stamattina, su richiesta della procura distrettuale di Bari, a...
- Advertisement -

Operazione dei ROS: Sgominata organizzazione pugliese

È in corso un'operazione congiunta da parte dei carabinieri del Ros e del Comando tutela ambientale il...

Blitz all’Ucciardone: cellulari e stupefacenti a 1.500 euro

Grazie ai miniphone e sim card pulite, all'interno del carcere Ucciardone, i detenuti continuavano a prendere ordinazioni di...

Articoli popolari

Estorsioni a viso scoperto

Il nuovo clan di Siracusa, che in...

Caso Saguto: Tutti condannati

L'ex giudice Silvana Saguto è stata condanna...
SOSTIENICI

Potrebbero interessartiHOT NEWS
Ecco cosa hanno letto i nostri lettori

Lascia un commento