Mosca si scaglia contro gli USA per l’arresto Meng

Must Read

Huawei: i media cinesi accusano US di “teppismo” per l’arresto di Meng Wanzhou

I cinesi attaccano Washington,etichettando l’America come come un “ladro spregevole”,così inizia una guerra tra poteri economici,dove il Giappone si spinge a vietare alle compagnie telefoniche i contratti governativi.

Ad attaccare gli USA è anche il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov.che commenta così l’arresto della CTO di Huawei Meng Wanzhou:

Deprecabile approccio da canaglia dal momento che non può fermare l’avanzata dell’azienda nel mercato 5G

Continuando,Serghei Lavrov ha dichiarato ancora:

Ritengo che sia ancora una volta un fenomeno della linea di applicazione extraterritoriale delle leggi nazionali. In Canada, su richiesta americana, si è agito in questo modo, è una cosa inaccettabile“.

Le dichiarazioni di Lavrov – capo della diplomazia del Cremlino – arrivano a margine dei lavori del 25° Consiglio ministeriale dell’Osce a Milano.

Sul quotidiano cinese Daily,a proposito dell’arresto della chief financial officer di Huawei,si legge quanto segue:

è apparso come parte degli sforzi degli Stati Uniti per contenere la società, che è il più grande fornitore mondiale di apparecchiature per le telecomunicazioni, oltre al suo secondo produttore di telefoni cellulari.

ed ancora:

Una cosa che è senza dubbio vera e comprovata è che gli Stati Uniti stanno cercando di fare tutto il possibile per contenere l’espansione di Huawei nel mondo semplicemente perché la società è il punto di riferimento per le società tecnologiche competitive della Cina

Il tabloid Global Times ha dichiarato:

Ovviamente Washington ricorre a un approccio spregevole del ladro perché non può fermare l’avanzata dei 5G di Huawei sul mercato“.

La retorica è arrivata quando i media giapponesi hanno riferito che il paese stava effettivamente vietando l’acquisto da parte del governo di prodotti di telecomunicazioni da parte di Huawei per timore di perdite di intelligence e attacchi informatici.

Il rapporto segue una decisione degli Stati Uniti quest’anno di vietare gli acquisti governativi di dispositivi Huawei.

La Cina ha chiesto l’immediata liberazione di Meng, la figlia del fondatore dell’azienda, ed ex ufficiale dell’esercito cinese. Meng detenuta a Vancouver dal 1 ° dicembre e si trova di fronte all’estradizione negli Stati Uniti per i link segnalati alle violazioni delle sanzioni.

Pechino ha invitato sia Ottawa che Washington a chiarire immediatamente i motivi della detenzione di Meng e della sua liberazione immediata. L’ambasciata cinese in Canada ha descritto le azioni come “gravemente danneggiato i diritti umani”.

L’arresto di Meng minaccia di far deragliare una fragile tregua in una guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina. Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, e il presidente cinese Xi Jinping, avevano accettato di dare ai loro negoziatori 90 giorni per risolvere le dispute commerciali tra i due paesi.

I mercati si sono calmati venerdì dopo pesanti perdite in seguito alla notizia dell’arresto giovedì. Il commercio della tarda mattinata a Hong Kong e Shanghai ha visto gli stock quasi incombenti sui primi guadagni.

Il Global Times ha detto in un editoriale separato venerdì:

Crediamo che il governo degli Stati Uniti, come la Cina, sia disposto a porre fine alla guerra commerciale. Vuole solo ottenere quante più condizioni possibili. Questo è un processo molto delicato in cui i gruppi di negoziatori di entrambe le parti sono in difficoltà “.

a cura di Maurizio Inturri

Ultime Notizie

Visicale e la sua banda restano in carcere, continuano le minacce

A Catania, il Tribunale del Riesame, ha confermato la misura cautelare in carcere per gli arrestati durante...

Narcotraffico: Da Grande Aracri a Santapaola e giù a Siracusa

Un’inchiesta che mira dritta al traffico degli stupefacenti in Sicilia, in particolare a Catania e a Palermo, grazie agli accordi datati di...

Colpo al narcotraffico: sequestro di 1000 piante

Sono state sequestrate circa 1000 piante di cannabis indica in due diversi terreni a Reggio Calabria. La scoperta delle...

Siracusa: Che fine ha fatto l’antimafia?

In questi mesi, un pò tanti, l'antimafia civile è scomparsa e sembra che quella regionale faccia orecchie da mercante.

Piazze di spaccio: sequestrate droga e armi

Gli agenti della Questura di Siracusa, nella giornata di ieri, hanno compiuto tre arresti intorno alle due famose piazze di spaccio di...
- Sostienici, pubblicizza la tua attività -

Articoli che potrebbero interessarti

- Sostienici, pubblicizza la tua attività -