Processo Qualunquemente.Il PM chiede 15 anni per Rizza,mancano i mafiosi!

Must Read

Di ieri la notizia sui maggiori quotidiani locali,circa la requisitoria del Pubblico Ministero Brianese nel processo “Qualunquemente”,che vede come principale imputato l’ex sindaco di Priolo Gargallo Antonello Rizza.

Rizza

Gli imputati,sedici in tutto, in questo processo denominato “Qualunquemente”, sono accusati a vario titolo di: associazione a delinquere, voto di scambio, abuso d’ufficio, tentata concussione, tentata violenza privata, truffa aggravata e altri reati.

Come potrete notare nella requisitoria,anche questa volta,non ci sono nomi di delinquenti o mafiosi che favorivano il voto di scambio,perché sarebbe impensabile (almeno si spera)che tale scambio avvenisse tra i candidati stessi...saremmo proprio in un baratro, se quest’ultima ipotesi fosse vera.(sigh)

Il Pubblico Ministero Brianese,durante la requisitoria, ha chiesto per gli imputati del processo “Qualunquemente”,davanti ai giudici del tribunale penale,(presidente, Antonella Coniglio; a latere, Antonio Dami e Federica Piccione)di condannare tutti i 16 imputati e di trasmettere gli atti alla Procura della Repubblica per i sei testimoni citati dalle difese affinchè valuti se incriminarli per falsa testimonianza.

La pena più alta è stata chiesta per l’ex sindaco Antonello Rizza: 15 anni di reclusione;a seguire:

  • 10 anni di carcere per l’ex assessore Beniamino Scaringi;
  • 3 anni e sei mesi di reclusione per Giuseppe Pinnisi;
  • 5 anni per la dirigente comunale Flora La Iacona;
  • 3 anni e dieci mesi di reclusione ciascuno per Lucia Grasso e Nunziata Bafumo;
  • 3 anni e sei mesi per Paola Scalogna;
  • 3 anni di reclusione ciascuno per Concetta Caccamo e Giuseppa Arcidiacono;
  • 5 anni di reclusione per Carlo Auteri;
  • 5 mesi di reclusione per Sebastiano Mazzone;
  • un anno di reclusione per Marco Angelino;
  • 2 anni di reclusione per l’ex segretario comunale Giuseppe Italia;
  • un anno e sei mesi di reclusione per Angelo Bosco;
  • 8 anni di carcere per Salvatore Passarello;
  • 2 anni e sei mesi di reclusione per Angelo Palumbo.

Ultimata la requisitoria della Pubblico Ministero Brianese Brianese, il presidente Coniglio ha dato la parola ai difensori delle parti civili che si sono costituite in giudizio contro l’ex sindaco Antonello Rizza e gli altri imputati. Hanno parlato i legali che rappresentano il Comune di Priolo Gargallo, il Consorzio Universitario Cumi, il consigliere comunale Lombardo, il direttore del Cumi, Rosario Pulvirenti ed il deputato nazionale del Movimento 5 Stelle Pasqua per la sua mancata elezione al Consiglio comunale di Priolo Gargallo.
Il presidente Coniglio ha fissato tre udienze per i difensori degli imputati: la prima si terrà il 18 gennaio del 2019, la seconda il 25 gennaio e la terza il primo febbraio 2019.

a cura della Redazione

Ultime Notizie

Narcotraffico: Da Grande Aracri a Santapaola e giù a Siracusa

Un’inchiesta che mira dritta al traffico degli stupefacenti in Sicilia, in particolare a Catania e a Palermo,...

Colpo al narcotraffico: sequestro di 1000 piante

Sono state sequestrate circa 1000 piante di cannabis indica in due diversi terreni a Reggio Calabria. La scoperta delle...

Siracusa: Che fine ha fatto l’antimafia?

In questi mesi, un pò tanti, l'antimafia civile è scomparsa e sembra che quella regionale faccia orecchie da mercante.

Piazze di spaccio: sequestrate droga e armi

Gli agenti della Questura di Siracusa, nella giornata di ieri, hanno compiuto tre arresti intorno alle due famose piazze di spaccio di...

Davide Cassia attacca con insulti

Pubblichiamo il secondo articolo delle parole che Davide Cassia ci ha rivolto. Questa volta potrete ascoltare direttamente le sue parole, e delle...
- Sostienici, pubblicizza la tua attività -

Articoli che potrebbero interessarti

- Sostienici, pubblicizza la tua attività -