Tariffe telefoniche:blocco aumenti e rimborsi.

Must Read

Un disegno di legge in discussione al Senato vieta di aumentare i prezzi a sei mesi dal contratto.Per gli utenti, nuovi possibili diritti e facoltà.

Nubi nere si addensano sul futuro degli operatori telefonici italiane. Con due novità che hanno le potenzialità di scuotere il mercato, mentre introducono nuovi diritti e facoltà per i consumatori.

La prima è un disegno di legge sulla trasparenza delle tariffe telefoniche che è ora sotto la lente della commissione competente al Senato: le audizioni degli operatori, nei giorni scorsi, ne rivelano i timori.

La norma, se passerà, vieterà loro di fare rincari per sei mesi dopo la sottoscrizione del contratto. Una pratica che soprattutto in questi mesi estivi è abbastanza comune e non ha limiti di sorta.
La seconda è la spada di Damocle dei rimborsi per la vicenda tariffe a 28 giorni. La decisione finale del consiglio di Stato è prevista nei prossimi giorni (l’udienza d merito c’è stata il quattro luglio, per Wind 3, Fastweb e Vodafone e a seguire ci sarà quella Tim; ci si aspettano sentenze uguali per tutti gli operatori).
Ecco il testo del disegno di legge (che modifica l’articolo 1 del decreto-legge 31 gennaio 2007, n.7)
a) al comma 1-bis è aggiunto, in fine, il seguente periodo: « Gli operatori di telefonia, di reti televisive e di comunicazioni elettroniche non possono modificare le condizioni giuridiche ed economiche dell’offerta prima che siano trascorsi sei mesi dalla stipula del contratto, in ogni caso senza aggravio di costi o peggioramento delle condizioni economiche applicate nei confronti del consumatore »;
b) al comma 1-quater è aggiunto, in fine, il seguente periodo: « La medesima Autorità garantisce altresì che gli operatori dei servizi di telefonia mobile assicurino la piena trasparenza delle offerte e dei messaggi pubblicitari di cui al comma 2, garantendo una comunicazione semplice ed essenziale che faciliti al consumatore la comprensione della tariffa e del prezzo complessivo relativo ai servizi acquistati mediante sottoscrizione del contratto di attivazione »;
c) il comma 2 è sostituito dal seguente:
« 2. L’offerta commerciale dei prezzi dei differenti operatori della telefonia deve evidenziare tutte le voci che compongono l’offerta, al fine di consentire ai singoli consumatori un adeguato confronto. A tal fine sono vietati le offerte e i messaggi pubblicitari e informativi di tariffe e servizi proposti dagli operatori che contengono l’indicazione del prezzo finale privo, in tutto o in parte, degli oneri complessivi derivanti dall’attivazione o dall’utilizzo dei servizi di traffico voce, dati, messaggistica istantanea e dei servizi ancillari di cui al comma 2.1 »;
d) dopo il comma 2 sono inseriti i seguenti:
« 2.1. Per “servizi ancillari di telefonia mobile” si intendono i costi di attivazione del servizio, di attivazione e fruizione del piano tariffario, di trasferimento ad altro operatore, di utilizzo del servizio di segreteria telefonica, di verifica del credito residuo disponibile, di utilizzo di software e applicazioni, nonché di ogni ulteriore servizio pre-attivato o non disattivabile la cui fruizione comporti un aumento del prezzo complessivo corrisposto dal consumatore durante il periodo di fatturazione.
2.2. Il prezzo finale contenuto nelle offerte promozionali e nei messaggi pubblicitari di cui al comma 1 deve comprendere i costi di tutti i servizi attivati, pre-attivati o non disattivabili dal consumatore al momento della sottoscrizione del contratto, inclusi i servizi ancillari di cui al comma 2.1, che concorrono alla formazione del prezzo corrisposto dal consumatore durante il periodo di fatturazione oggetto del messaggio pubblicitario ».

La vera rivoluzione è a) (gli altri punti rimarcano in realtà diritti già iscritti nelle delibere Agcom o persino in norme primarie). Significherebbe che per sei mesi dopo il contratto l’utente non avrebbe sorprese. O perlomeno potrebbe avere modifiche ma non rincari (la norma potrebbe lasciare la porta aperta a riduzioni dei tetti di traffico inclusi).ubi nere si addensano sul futuro degli operatori telefonici italiane. Con due novità che hanno le potenzialità di scuotere il mercato, mentre introducono nuovi diritti e facoltà per i consumatori.

Articolo completo su LaRepubblica

Ultime Notizie

Narcotraffico: Da Grande Aracri a Santapaola e giù a Siracusa

Un’inchiesta che mira dritta al traffico degli stupefacenti in Sicilia, in particolare a Catania e a Palermo,...

Colpo al narcotraffico: sequestro di 1000 piante

Sono state sequestrate circa 1000 piante di cannabis indica in due diversi terreni a Reggio Calabria. La scoperta delle...

Siracusa: Che fine ha fatto l’antimafia?

In questi mesi, un pò tanti, l'antimafia civile è scomparsa e sembra che quella regionale faccia orecchie da mercante.

Piazze di spaccio: sequestrate droga e armi

Gli agenti della Questura di Siracusa, nella giornata di ieri, hanno compiuto tre arresti intorno alle due famose piazze di spaccio di...

Davide Cassia attacca con insulti

Pubblichiamo il secondo articolo delle parole che Davide Cassia ci ha rivolto. Questa volta potrete ascoltare direttamente le sue parole, e delle...
- Sostienici, pubblicizza la tua attività -

Articoli che potrebbero interessarti

- Sostienici, pubblicizza la tua attività -