Mafia & Antimafia Rita Atria:La verità vive!

Rita Atria:La verità vive!

-

- Advertisment -

«Borsellino, sei morto per ciò in cui credevi ma io senza di te sono morta»

Oggi,26 luglio alle ore 18.30,a Roma,in viale Amelia,l’associazione “Rita Atria”,ricorderà la giovane diciassettenne che si suicidò dopo aver appreso della strage di via D’Amelio.

Dal Comunicato dell’associazione, riportiamo quanto segue:

ricorderemo Rita Atria con Franca Imbergamo, magistrato della DNA nel pool ”stragi e mandanti esterni”, una donna che senza clamori è riuscita a far condannare Badalamenti per l’omicidio di Peppino Impastato; con Renata Renna che ha saputo trasformare una vita apparentemente senza speranza in opportunità di riscatto; con Mario Ciancarella, il capitano che è stato radiato con due firme false (Presidente della Repubblica e Ministro: golpe bianco) e che oggi lo Stato invece di scandalizzarsi si costituisce contro la sua reintegra dopo aver gridato indignati nella precedente legislatura; con Graziella Proto che con la rivista LE SICILIANE portando avanti il giornalismo alla Pippo Fava (Le Siciliane oggi è solo online perché il cartaceo è roba per testate ricche), con Ulisse Testimone di Giustizia che dopo aver assistito ad un delitto di camorra sull’autostrada, insieme a sua moglie, non si è girato dall’altra parte, ha fatto l’unica cosa che andava fatta: denunciare.

E ancora ricorderemo Rita con Valentina, Simona, Santina e Nadia. Grazie a Stefania Mulè che con il suo teatro musica da cinque anni ci aiuta a denunciare le ingiustizie senza privarci dell’emozione e senza temere le conseguenze. Con noi sarà sia a Palermo che a Roma.

Grazie ad immaginARTE e ai compagni di viaggio di Stefania: Ninni Arcuri, Rosalba Bologna (a Palermo) e Paolo Scatragli (a Roma). Questo è il nostro viaggio… questa è il nostro modo di fare Memoria Attiva… questo è il nostro modo di portare una rosa a Rita Atria affinché la verità possa ancora vivere…almeno dentro di noi.

E un grazie particolare ad Umberto Santino e Anna Puglisi del Centro Siciliano di Documentazione Giuseppe Impastato per averci incoraggiato, ben 25 anni fa, a fondare l’associazione antimafie Rita Atria e per esserci ancora accanto.》

Fonte Associazione Rita Atria

Lascia un commento

Maurizio Inturri
Si occupa di mafia e criminalità organizzata. Ha collaboratorato con diverse testate giornaliste online e cartacee. Il suo percorso inizia nel lontano 2015 con ReteRegione, poi collabora con LaSpia, Diario1984, L'Attualità, Cisiamo e infine IlFormat. Nel gennaio 2020 si iscrive al sindacato WorKPress e gli viene attribuito il tesserino internazione di giornalista e reporter come da normativa europea e internazionale. Ha partecipato a diverse conferenze sul tema mafia e criminalità organizzata. Autore dei libri Cogito ergo sum..ma non troppo (2015) e L'Antistato vol.I° (2019)

Ultimi articoli

Garage allestito con giochi e marijuana

Un giovanissimo di quindici anni è stato scoperto e denunciato dai carabinieri della Compagnia di San Giovanni...

Estorsioni a viso scoperto

Il nuovo clan di Siracusa, che in tutto e per tutto si sostituisce al vecchio, sta impadronendosi...

Caso Saguto: Tutti condannati

L'ex giudice Silvana Saguto è stata condanna a 8 anni e 6 mesi di reclusione nel processo...

Caso Saguto: Procura chiede 15 anni

Al via l'ultima udienza, presso l'aula bunker del carcere Malaspina di Caltanissetta, che vede imputata Silvana Saguto,...
- Advertisement -

Operazione Grande Carro: I Ros tra la Puglia e la Campania

È stata denominata Grande Carro l'operazione antimafia eseguita stamattina, su richiesta della procura distrettuale di Bari, a...

Operazione dei ROS: Sgominata organizzazione pugliese

È in corso un'operazione congiunta da parte dei carabinieri del Ros e del Comando tutela ambientale il...

Articoli popolari

Garage allestito con giochi e marijuana

Un giovanissimo di quindici anni è stato...

Estorsioni a viso scoperto

Il nuovo clan di Siracusa, che in...
SOSTIENICI

Potrebbero interessartiHOT NEWS
Ecco cosa hanno letto i nostri lettori

Lascia un commento