Mafia & Antimafia Esposto alla Commissione Antimafia dell'ARS nei confronti del giornalista...

Esposto alla Commissione Antimafia dell’ARS nei confronti del giornalista Paolo Borrometi

-

- Advertisment -

Riportiamo l’articolo di seguito su concessione de IlFormat

E’ stato consegnato un esposto alla Commissione Antimafia dell’ARS nei confronti del giornalista Paolo Borrometi.

La notizia circolava da alcuni giorni, a darne l’ufficialità è il Gruppo parlamentare Ora Sicilia che ha sottoscritto e firmato la missiva.

[WRGF id=4640]

 

 

 

Così riporta il giornalista Giuseppe Gallinella su ILFORMAT:

Sebbene la nostra inchiesta non ha mai smesso di cercare nuove verità sulle continue dichiarazioni, ancora prive di ogni riscontro, Paolo Borrometi continua imperterrito a raccontare le “sue inchieste” negando la legittimità di chi ha davvero condotto le indagini giornalistiche che lo hanno indotto a scrivere il libro “Un morto ogni tanto”.

A scatenare ulteriori dubbi sui racconti del giornalista è la reazione di un suo conoscente, il quale dopo aver ascoltato l’ennesima intervista ha rivelato dettagli importanti.

Sulla vicenda dell’aggressione avvenuta nel 2014, il giornalista Borrometi ha sempre sostenuto che fu aggredito da due uomini in campagna.

La fonte, invece, sostiene che l’aggressione sia avvenuta non da due uomini a volto coperto e tanto meno in campagna ma bensì nella villa del nonno che si trova nella parte residenziale nuova di Modica e che difronte alla villa c’è un distributore di benzina corredato di telecamere. Paolo Borrometi non chiamò i Carabinieri ma un amico, funzionario di Polizia della Questura di Ragusa, il quale inviò una pattuglia a Modica per verbalizzare Paolo Borrometi.

Sempre secondo la fonte conoscente del giornalista, su quella vicenda non ci fu mai nessun risvolto e tanto meno nessuno ha chiesto di visionare le immagini di quelle telecamere. Inoltre lo Stato Italiano mantiene a Borrometi una vigilanza particolare:infatti pare che ogni volta che il giornalista si rechi a Modica, alcune ore prima dal suo arrivo, entra in azione un carro attrezzi per spostare le auto parcheggiate nei pressi dell’abitazione dei suoi genitori.

Ma a sollevare del tutto il vaso di Pandora è Rizza che potrebbe aprire un escalation di fatti che, a quanto pare, potrebbe mettere fine allo scellerato storytelling di Paolo Borrometi.

Fonte IlFormat

Maurizio Inturri
Si occupa di mafia e criminalità organizzata. Ha collaboratorato con diverse testate giornaliste online e cartacee. Il suo percorso inizia nel lontano 2015 con ReteRegione, poi collabora con LaSpia, Diario1984, L'Attualità, Cisiamo e infine IlFormat. Nel gennaio 2020 si iscrive al sindacato WorKPress e gli viene attribuito il tesserino internazione di giornalista e reporter come da normativa europea e internazionale. Ha partecipato a diverse conferenze sul tema mafia e criminalità organizzata. Autore dei libri Cogito ergo sum..ma non troppo (2015) e L'Antistato vol.I° (2019)

Ultimi articoli

Carceri: Al via le scarcerazioni dei boss

Il primo boss della camorra, rinchiuso al 41bis, lascia il regime duro e viene posto al regime dei domiciliari;...

La prima testimone siciliana “vestita di nero”; in nome dello Stato!

Oggi come ieri è sempre la stessa indifferenza che uccide con o senza regole perché alla base di tutto...

Sanità Calabria: Rischio per chiunque fare il Commissario

"Dopo tutto questo parlare, molta gente anche capace, addetta ai lavori, non scenderà in Calabria perché rischia di azzerare...

È morto il corvo di Vatileaks

E' morto Paolo Gabriele, l'ex maggiordomo di papa Benedetto XVI che, con la fuga di documenti riservati del Pontefice,...
- Advertisement -

Scoperta fabbrica di marijuana

Un'operazione congiunta tra forze dell'ordine, in provincia di Reggio Emilia, ha fatto si che fosse sequestrato un casolare attrezzato...

Le condoglianze alla famiglia Cavallaro

Appresa la triste notizia della dispartita di Mario Matteo Cavallaro, il sottoscritto Rosario Piccione, si stringe con un abbraccio...

Articoli popolari

Carceri: Al via le scarcerazioni dei boss

Il primo boss della camorra, rinchiuso al 41bis, lascia...

Iscriviti alla nostra newsletter!

Rimani aggiornato con la nostre notizie!

Questo articolo ti è piaciuto? Allora perché non ci sostieni con una donazione?

Potrebbero interessartiHOT NEWS
Ecco cosa hanno letto i nostri lettori