Strage via d’Amelio.Le comiche

Must Read

Maurizio Inturri
Si occupa di mafia e criminalità organizzata. Ha collaboratorato con diverse testate giornaliste online e cartacee. Il suo percorso inizia nel lontano 2015 con ReteRegione, poi collabora con LaSpia, Diario1984, L'Attualità, Cisiamo e infine IlFormat. Nel gennaio 2020 si iscrive al sindacato WorKPress e gli viene attribuito il tesserino internazione di giornalista e reporter come da normativa europea e internazionale. Ha partecipato a diverse conferenze sul tema mafia e criminalità organizzata. Autore dei libri Cogito ergo sum..ma non troppo (2015) e L'Antistato vol.I° (2019)

La notizia, pubblicata da TP24, fa rabbrividire anche i morti.

Riporta la nota testata:

“Al processo sul depistaggio della Strage di Via d’Amelio nei confronti di tre poliziotti accusati di calunnia aggravata, ci sarebbero delle discordanze tra i nastrini rilasciati dalla macchina che registrava le telefonate effettuate dal falso collaboratore di giustizia Vincenzo Scarantino e i brogliacci con le trascrizioni delle stesse conversazioni.”

Secondo la relazione della DIA di Caltanissetta, depositata dal procuratore aggiunto Gabriele Paci, Scarantino telefonava ai suoi familiari e ai magistrati nisseni ma le chiamate al vaglio della Dia sono cinque, dirette una alla questura di Palermo e quattro ai magistrati nisseni.

La discordanza si troverebbe tra quanto accertato attraverso la macchina utilizzata per l’effettuazione delle telefonate e quanto riportato nei brogliacci; in quest’ultimi si parla di impossibilità di registrare per guasti tecnici.

Secondo i pm la registrazione sarebbe stata troncata volontariamente.

All’udienza del 20 gennaio è stato citato come testimone Carmelo Petralia, attuale procuratore aggiunto di Catania.

Ultime Notizie

Narcotraffico: Da Grande Aracri a Santapaola e giù a Siracusa

Un’inchiesta che mira dritta al traffico degli stupefacenti in Sicilia, in particolare a Catania e a Palermo,...

Colpo al narcotraffico: sequestro di 1000 piante

Sono state sequestrate circa 1000 piante di cannabis indica in due diversi terreni a Reggio Calabria. La scoperta delle...

Siracusa: Che fine ha fatto l’antimafia?

In questi mesi, un pò tanti, l'antimafia civile è scomparsa e sembra che quella regionale faccia orecchie da mercante.

Piazze di spaccio: sequestrate droga e armi

Gli agenti della Questura di Siracusa, nella giornata di ieri, hanno compiuto tre arresti intorno alle due famose piazze di spaccio di...

Davide Cassia attacca con insulti

Pubblichiamo il secondo articolo delle parole che Davide Cassia ci ha rivolto. Questa volta potrete ascoltare direttamente le sue parole, e delle...
- Sostienici, pubblicizza la tua attività -

Articoli che potrebbero interessarti

- Sostienici, pubblicizza la tua attività -