Archivio Attualità Le misure di emergenza COVID-19 non devono essere utilizzate...

Le misure di emergenza COVID-19 non devono essere utilizzate per censurare la libertà dei media

-

- Advertisment -

L’International Press Institute (IPI), la rete globale di redattori, dirigenti dei media e importanti giornalisti per la libertà di stampa, ha esortato oggi i governi di tutto il mondo a riconoscere il ruolo cruciale dei media indipendenti nella pandemia di coronavirus e ad assicurare che le misure di emergenza per affrontare la malattia non sono usati come pretesto per censurare notizie e informazioni online e offline o per implementare regolamenti regressivi contro la libertà dei media.

“Innanzitutto, riconosciamo che il coronavirus COVID-19 rappresenta una grave minaccia per la salute pubblica globale e che i governi di tutto il mondo sono stati costretti ad attuare misure di emergenza per proteggere la salute dei loro cittadini”, ha dichiarato il direttore esecutivo dell’IPI Barbara Trionfi.

Giornalisti indossano maschere durante una conferenza stampa. 
EPA-EFE / Mauricio Duenas Castaneda

“Il libero flusso di notizie indipendenti è più essenziale che mai in questa situazione, sia per informare il pubblico sulle misure vitali per contenere il virus sia per mantenere un dialogo aperto e un dibattito sull’adeguatezza di tali misure, che è essenziale per vincere la fiducia pubblica necessaria per loro “.

Ha aggiunto: “In questa era di disinformazione, il pubblico ha bisogno di notizie di cui si possa fidare. È fondamentale in questa fase che i governi sostengano il lavoro dei media indipendenti, che sono alleati cruciali nella lotta contro COVID-19 “.

Allo stesso tempo, Trionfi ha espresso chiara preoccupazione per il potenziale per le autorità di utilizzare la crisi per introdurre draconiani nuovi limiti ai diritti, compresa la libera espressione, che potrebbero sopravvivere alla situazione attuale.

“Questa pandemia sta vedendo alcune delle restrizioni più ampie alle libertà individuali in tempo di pace. Pertanto invitiamo tutti gli Stati a garantire che qualsiasi misura adottata per contrastare COVID-19 e che la violazione dei diritti fondamentali sia necessaria, proporzionata, temporanea e limitata alla risoluzione della crisi sanitaria immediata “, ha affermato.

“Con l’aumento del bilancio delle vittime, le difficoltà economiche si diffondono e il pubblico diventa inquieto riguardo alle restrizioni sui loro diritti, la tentazione di controllare il controllo dei media da parte dei governi sarà, in alcuni casi, travolgente. Questo è particolarmente vero nelle contee autoritarie. È indispensabile che la crisi sanitaria non sia utilizzata come scusa per affrettare le normative regressive che potrebbero influire sulla copertura mediatica indipendente della crisi e delle sue conseguenze e potenzialmente rimanere dopo la sua fine per limitare la libertà dei media e mettere a tacere le voci critiche “.

Trionfi ha affermato che l’IPI ha invitato tutti i governi a lavorare con i media e ad assicurarsi che i giornalisti siano abilitati a fare il miglior lavoro possibile nel denunciare la crisi sanitaria. Ciò comprende:

  • Garantire un accesso equo ed equo ai giornalisti e ai media a tutte le informazioni relative alla crisi sanitaria. Laddove le misure sanitarie precludano l’accesso fisico come per le conferenze stampa, deve essere reso
  • disponibile un accesso alternativo.
  • Proteggere la libera circolazione dei media e l’accesso ai decisori, agli operatori sanitari e ad altri che combattono la pandemia.
  • Garantire che non vengano utilizzati poteri o regolamenti di emergenza per limitare la libertà dei media e i diritti dei giornalisti adesso o in seguito.
  • Garantire che i rappresentanti del governo e gli esperti sanitari ricevano spazio e tempo sulle onde radio per informare i cittadini, proteggendo al contempo il diritto dei giornalisti di controllare e, se necessario, criticare le decisioni.
  • Non incautamente travisare il controllo dei media come disinformazione o abuso della crisi per limitare o punire i media critici.
  • Garantire che i giornalisti in prima linea nella segnalazione della crisi sanitaria abbiano accesso a un’adeguata protezione medica.

“L’IPI rimane impegnato come sempre a garantire che qualsiasi atto per reprimere il libero flusso di notizie e informazioni non passi né inosservato né indiscusso – non nonostante questa situazione eccezionale ma proprio per questo”, ha aggiunto Trionfi. “Nelle prossime settimane e per tutta la durata della crisi in corso, IPI monitorerà sistematicamente le restrizioni alla libertà dei media imposte a seguito della crisi e condividerà queste informazioni sul nostro sito Web e sulle piattaforme dei social media”.

Fonte I.P.I.

Ultimi articoli

Siracusa: La nuova lotta alla criminalità alle “imbarcazioni fantasma”

Un altro colpo che farà discutere quello messo a segno dagli agenti della Polizia di Stato in servizio presso...

Siracusa: Ex affiliato al clan Bottaro-Attanasio arrestato per furto di gasolio

Enzo Vinci, anni 47, già conosciuto alle forze dell’ordine per vari reati come: estorsione ai danni di un panificio...

Carceri: Al via le scarcerazioni dei boss

Il primo boss della camorra, rinchiuso al 41bis, lascia il regime duro e viene posto al regime dei domiciliari;...

La prima testimone siciliana “vestita di nero”; in nome dello Stato!

Oggi come ieri è sempre la stessa indifferenza che uccide con o senza regole perché alla base di tutto...
- Advertisement -

Sanità Calabria: Rischio per chiunque fare il Commissario

"Dopo tutto questo parlare, molta gente anche capace, addetta ai lavori, non scenderà in Calabria perché rischia di azzerare...

È morto il corvo di Vatileaks

E' morto Paolo Gabriele, l'ex maggiordomo di papa Benedetto XVI che, con la fuga di documenti riservati del Pontefice,...

Articoli popolari

Iscriviti alla nostra newsletter!

Rimani aggiornato con la nostre notizie!

Questo articolo ti è piaciuto? Allora perché non ci sostieni con una donazione?

Potrebbero interessartiHOT NEWS
Ecco cosa hanno letto i nostri lettori