25 Settembre 2020
More

    Cateno De Luca denunciato dal Viminale

    Denunciato per le sue parole e i suoi comportamenti in quanto rappresentante delle istituzioni.

    Riportiamo quanto pubblicato dall’agenzia Adnkronos:

    “Sono stati segnalati all’autorità giudiziaria i comportamenti tenuti dal sindaco di Messina perché censurabili sotto il profilo della violazione dell’articolo 290 del Codice penale (vilipendio della Repubblica, delle Istituzioni costituzionali e delle Forze armate)”.

    In un nota all’Adnkronos il Viminale sottolinea che “la decisione è stata assunta dal ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, a seguito delle parole gravemente offensive, e lesive dell’immagine per l’intera istituzione che lei rappresenta, pronunciate pubblicamente e con toni minacciosi e volgari”.

    “Proprio in una fase emergenziale in cui dovrebbe prevalere il senso di solidarietà e lo spirito di leale collaborazione, le insistenti espressioni di offesa e di disprezzo, ripetute per giorni davanti ai media da parte del primo cittadino di Messina all’indirizzo del ministero dell’Interno, appaiono inaccettabili, e quindi censurabili sotto il profilo penale, per il rispetto che è dovuto da tutti i cittadini, e a maggior ragione da chi riveste una funzione pubblica anche indossando la fascia tricolore, alle istituzioni repubblicane e ai suoi rappresentanti”, prosegue il Viminale.

    Fonte Adnkronos

    Lascia un commento
    Redazione Amattanza
    La redazione di Amattanza

    Ultimi Articoli

    Piazze di spaccio: sequestrate droga e armi

    Gli agenti della Questura di Siracusa, nella giornata di ieri, hanno compiuto tre arresti intorno alle due famose piazze di spaccio di...

    Davide Cassia attacca con insulti

    Pubblichiamo il secondo articolo delle parole che Davide Cassia ci ha rivolto. Questa volta potrete ascoltare direttamente le sue parole, e delle...

    Operazione Aretusa: la DdA batte cassa e chiede il massimo delle pene

    Siamo giunti alla fase finale del processo scaturito dall' operazione Aretusa che vede tra gli imputati molti personaggi di spicco.

    Mattarella, necessario resistere a intimidazioni mafia

    Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nel trentesimo anniversario dell'uccisione del Giudice Rosario Livatino, ha dichiarato: "Rosario Livatino, Sostituto Procuratore della Repubblica...

    Potrebbero interessarti

    Lascia un commento