Esclusivo.Scarcerati quattro esponenti del clan Bottaro – Attanasio

Must Read

Maurizio Inturri
Si occupa di mafia e criminalità organizzata. Ha collaboratorato con diverse testate giornaliste online e cartacee. Il suo percorso inizia nel lontano 2015 con ReteRegione, poi collabora con LaSpia, Diario1984, L'Attualità, Cisiamo e infine IlFormat. Nel gennaio 2020 si iscrive al sindacato WorKPress e gli viene attribuito il tesserino internazione di giornalista e reporter come da normativa europea e internazionale. Ha partecipato a diverse conferenze sul tema mafia e criminalità organizzata. Autore dei libri Cogito ergo sum..ma non troppo (2015) e L'Antistato vol.I° (2019)

In un periodo storico per l’Italia, vista l’emergenza del CoronaVirus, non si conosce il motivo della scarcerazione di alcuni malavitosi che avrebbero fatto parte di tre gruppi criminali, capaci di spartirsi il territorio per la gestione della droga.

Siracusa. Ad essere stati scarcerati nelle ultime ore, senza che nessuno se sappia spiegare motivi, sono stati alcuni appartenenti del sodalizio criminale, appartenenti al clan Bottaro-Attanasio: Salvatore Catania condannato a 19 anni di reclusione, Massimo Midolo condannato a 15 anni di reclusione –  figliastro del pentito Francesco Satornino, quest’ultimo convivente con Angela Midolo ed entrambi sotto programma di protezione.

Mentre alcune settimane fa sono stati scarcerati: Gianfranco Bottaro – nipote di Gianfranco Urso – e Urso Agostino leader della piazza spaccio via Italia.

La complessa attività investigativa che culminò nell’operazione Aretusa, grazie anche all’apporto di alcuni collaboratori di giustizia, svelò l’operatività del clan Bottaro-Attanasio”, che riusciva a mantenere il controllo di una rilevante parte del traffico organizzato di stupefacenti effettuato nelle varie zone della città.

Gli investigatori riuscirono a documentare il tutto, tanto da individuare i “responsabili” che avrebbero fatto parte dei tre gruppi criminali capaci di spartirsi il territorio per la gestione della droga.

Il 21 gennaio 2020, il Pm dott. Alessandro La Rosa, della DDA di Catania, chiese ai giudici della Corte di Assise dopo una ricostruzione accurata il totale di 216 anni di carcere.

La pena più pesante, 30 anni, fu sollecitata per Gianfranco Urso, figlio di Agostino Urso, detto “u prufissuri”- storico capo clan assassinato il 29 giugno del 1992 al Lido Sayonara, a Fontane Bianche;22 anni per Luigi Urso; 15 anni per Andrea Abdoush; 19 anni per Salvatore Catania; 11 anni di reclusione ciascuno per Agostino Urso e Gianfranco Bottaro; 12 anni per Daniele Romeo; diciannove anni per Lorenzo Vasile; nove anni per Franco Satornino; 15 anni per Massimiliano Midolo; 12 anni per Maria Christian Terranova; undici anni di reclusione per Lorenzo Giarratana; tre anni e sei mesi per Francesco Fontana; tre anni per Massimiliano Romano; due anni e sei mesi per Sebastiano Recupero; due anni per Angelica Midolo; cinque anni ciascuno per Salvatore Quattrocchi e Umberto Montoneri; tre anni e sei mesi per Concetto Anthony Magnano e sette anni per Salvatore Silone.

Ultime Notizie

Visicale e la sua banda restano in carcere, continuano le minacce

A Catania, il Tribunale del Riesame, ha confermato la misura cautelare in carcere per gli arrestati durante...

Narcotraffico: Da Grande Aracri a Santapaola e giù a Siracusa

Un’inchiesta che mira dritta al traffico degli stupefacenti in Sicilia, in particolare a Catania e a Palermo, grazie agli accordi datati di...

Colpo al narcotraffico: sequestro di 1000 piante

Sono state sequestrate circa 1000 piante di cannabis indica in due diversi terreni a Reggio Calabria. La scoperta delle...

Siracusa: Che fine ha fatto l’antimafia?

In questi mesi, un pò tanti, l'antimafia civile è scomparsa e sembra che quella regionale faccia orecchie da mercante.

Piazze di spaccio: sequestrate droga e armi

Gli agenti della Questura di Siracusa, nella giornata di ieri, hanno compiuto tre arresti intorno alle due famose piazze di spaccio di...
- Sostienici, pubblicizza la tua attività -

Articoli che potrebbero interessarti

- Sostienici, pubblicizza la tua attività -