- Pubblicità -

Ciclista di Avola viola il dpcm, ma il video è dubbio.

Qualche giorno fa, ad Avola (SR), un ciclista ha violato il DPCM che disciplina i limiti e le condizioni del decreto.

Secondo alcune notizie, sembrerebbe che il noto ciclista – organizzatore di gare ciclistiche – tramite un video che ha girato mentre si allenava, abbia voluto ironizzare e istigare altri ad imitarlo.

Gli agenti del Commissariato di P.S. di Avola lo hanno denunciato per avere istigato a violare le vigenti misure di contenimento sanitario.

Nei social naturalmente si è scaricata la rabbia contro l’uomo, ma ascoltando bene il video si evince che lo stesso ha ribadito più minacce e intimidazioni che istigazioni a violare le misure dettate dal Governo centrale e dal Presidente della Regione Sicilia.

È logico chiedersi a chi siano rivolte le minacce e intimidazioni, espressamente visibili perché lo stesso ciclista le mima, in quanto più gravi della violazione del DPCM.

Ciclista di Avola viola il dpcm, ma il video è dubbio., AMATTANZA

Maurizio Inturri
Si occupa di mafia e criminalità organizzata. Ha collaboratorato con diverse testate giornaliste online e cartacee. Il suo percorso inizia nel lontano 2015 con ReteRegione, poi collabora con LaSpia, Diario1984, L'Attualità, Cisiamo e infine IlFormat. Nel gennaio 2020 si iscrive al sindacato WorKPress e gli viene attribuito il tesserino internazione di giornalista e reporter come da normativa europea e internazionale. Ha partecipato a diverse conferenze sul tema mafia e criminalità organizzata. Autore dei libri Cogito ergo sum..ma non troppo (2015) e L'Antistato vol.I° (2019)

Ultime Notizie

Potrebbero interessarti