Saviano e i domiciliari ai boss

Must Read

Maurizio Inturri
Si occupa di mafia e criminalità organizzata. Ha collaboratorato con diverse testate giornaliste online e cartacee. Il suo percorso inizia nel lontano 2015 con ReteRegione, poi collabora con LaSpia, Diario1984, L'Attualità, Cisiamo e infine IlFormat. Nel gennaio 2020 si iscrive al sindacato WorKPress e gli viene attribuito il tesserino internazione di giornalista e reporter come da normativa europea e internazionale. Ha partecipato a diverse conferenze sul tema mafia e criminalità organizzata. Autore dei libri Cogito ergo sum..ma non troppo (2015) e L'Antistato vol.I° (2019)

Roberto Saviano, noto giornalista e scrittore, chiarisce la polemica sui domiciliari ai boss e ne evidenzia i diritti.

“La polemica per i boss messi ai domiciliari va compresa e studiata per evitare che sia solo elemento di propaganda. Quei boss non dovevano essere messi ai domiciliari ma dovevano essere messi al sicuro, curati. I magistrati avevano chiesto al Dap di poterli mettere in sicurezza, non hanno avuto risposta e quindi, obbedendo al diritto, questi detenuti sono stati messi ai domiciliari”.

Lo ha Roberto Saviano ospite di Fabio Fazio a Che tempo che fa su Rai2.

“Il sentimento di pancia è chiedersi perché dobbiamo curare queste persone, ma questo è un errore madornale: un carcere senza diritti è un carcere mafioso; un carcere dove ogni dinamica umana è preclusa è un carcere dove comandano le organizzazioni criminali. Il diritto è lo strumento principale per combatterle e tutelare la salute di un boss è combattere la mafia perché significa togliergli il potere della sua discrezionalità”, ha sottolineato Saviano.

ROBERTO SAVIANO SUL CARCERE

"Un carcere democratico permette a noi di vivere dentro una dimensione di diritto."Roberto Saviano a Che Tempo Che Farà.

Publiée par Che tempo che fa sur Dimanche 3 mai 2020

Ogni volta che diciamo che queste persone non meritano nulla, che sono delle bestie, stiamo spingendo altre persone ad affiliarsi. Se il carcere non ha diritti, diventa un’accademia per criminali. Da un carcere sano, dove si recupera la vita, invece usciranno persone diverse”, ha aggiunto Saviano.

Fonte Adnkronos

- Sostienici -

Ultime Notizie

Visicale e la sua banda restano in carcere, continuano le minacce

A Catania, il Tribunale del Riesame, ha confermato la misura cautelare in carcere per gli arrestati durante...

Narcotraffico: Da Grande Aracri a Santapaola e giù a Siracusa

Un’inchiesta che mira dritta al traffico degli stupefacenti in Sicilia, in particolare a Catania e a Palermo, grazie agli accordi datati di...

Colpo al narcotraffico: sequestro di 1000 piante

Sono state sequestrate circa 1000 piante di cannabis indica in due diversi terreni a Reggio Calabria. La scoperta delle...

Siracusa: Che fine ha fatto l’antimafia?

In questi mesi, un pò tanti, l'antimafia civile è scomparsa e sembra che quella regionale faccia orecchie da mercante.

Piazze di spaccio: sequestrate droga e armi

Gli agenti della Questura di Siracusa, nella giornata di ieri, hanno compiuto tre arresti intorno alle due famose piazze di spaccio di...
- Sostienici, pubblicizza la tua attività -

Articoli che potrebbero interessarti

- Sostienici, pubblicizza la tua attività -