Una storia con trame e intrecci che si gioca nel periodo più nero dopo il caso Palamara, la scellerata messa in scena del pentito Scarantino e la scarcerazione di quei 376 boss.

Con questo lungo articolo cercheremo di chiarire le dinamiche e quei compromessi che hanno raggirato un decreto legge voluto da Giovanni Falcone!

Lungo il corso dell’articolo cercheremo di capire l’entrara morbida di tanti politici nelle “faccende” legate ai servizi segreti e quel NO del dott.Ardita (consigliere del CSM) che coinvolse il DAP.

A noi il compito di raccontare e ricordare, a voi lettori il compito di dedurne la verità, perchè se è vero che alcuni “uomini” sono corrotti è anche vero che altri hanno lottato nel silenzio senza mai essere etichettati “paladini dell’antimafia”.

Mario-Giarrusso-e-servizi-1

Si occupa di mafia e criminalità organizzata. Ha collaboratorato con diverse testate giornaliste online e cartacee. Il suo percorso inizia nel lontano 2015 con ReteRegione, poi collabora con LaSpia, Diario1984, L'Attualità, Cisiamo e infine IlFormat. Nel gennaio 2020 si iscrive al sindacato WorKPress e gli viene attribuito il tesserino internazione di giornalista e reporter come da normativa europea e internazionale. Ha partecipato a diverse conferenze sul tema mafia e criminalità organizzata. Autore dei libri Cogito ergo sum..ma non troppo (2015) e L'Antistato vol.I° (2019)