Cronaca Fuga dal carcere di massima sicurezza della Sardegna

Fuga dal carcere di massima sicurezza della Sardegna

Johnny lo Zingaro, pluriomicida e recidivo di evasione, premiato con un permesso non fa rientro in carcere

-

- Advertisment -

Johnny lo Zingaro, al secolo Giuseppe Mastini, 60 anni, non è rientrato nel carcere di Sassari al termine di un permesso premio.

La notizia è stata pubblicata da IlGiornale e si resta increduli al racconto.

Evaso nello stesso modo nel giugno del 2017 dal penitenziario di Fasano, Cuneo, anche questa volta, per la fuga, ha sfruttando il regime di semilibertà.

Johnny Lo Zingaro – fonte IlGiornale

Chi è Johnny Lo Zingari?

Johnny Lo Zingaro, o il «biondino», figlio di giostrai, sfoggia una carriera criminale eccellente iniziata a meno di 15 anni.

Uccide un autista dell’Atac che aveva reagito a una rapina, Vittorio Bigi, per 10mila lire nel ’75.

Nel febbraio del 1987, sempre per buona condotta, a Mastini viene concesso un permesso premio che userà per la fuga, tant’è che per settimane semina il terrore con una serie di rapine.

Sempre IlGiornale riporta quanto segue: viene riconosciuto in una foto segnaletica dalla moglie di Paolo Buratti, il console italiano in Belgio ucciso nella sua villa a Sacrofano da un colpo di pistola nel tentativo di resistere a una rapina.

La sera del 23 marzo dell”87 quando, su un’auto assieme alla sua fidanzata, Zaira Pochetti, viene fermato da due agenti di polizia di pattuglia in Via Quintilio Varo, sulla Circonvallazione Tuscolana; Mastini spara e uccide l’agente Michele Giraldi, ferisce gravemente l’altro agente, Mauro Petrangeli.

Inizia la folle corsa ma lungo via Palmiro Togliatti viene intercettato da un carabiniere in borghese che gli intima l’alt, Mastini spara una raffica di proiettili riuscendo a ferire il militare che nonostante le ferite, da una cabina telefonica, riesce a dare l’allarme.

L’automobile di Johnny si ferma in panne sulla via Nomentana, ma impugna la pistola e riesce a salire su una Lancia Gamma di una coppia.

La ragazza, Silvia Leonardi, terrorizzata, non fa in tempo a scendere dall’auto dell’uomo che viene sequestrata e portata fino alla zona della Bufalotta dove viene rilasciata.

Poche ore dopo Johnny e Zaira vengono arrestati.

«Non ricordo molto di quella notte – racconterà Mastini – Ero completamente fatto di whisky, Tavor e cocaina. Mi dicevo: qui stasera mi sparano tutti addosso!».

Nell’89 Mastini viene condannato all’ergastolo. Detenuto nel carcere di massima sicurezza Badu e Carros, in Sardegna, il 12 marzo del 2014 Mastini, fugge grazie a un permesso premio di alcune ore per assistere al concerto del gruppo britannico The Prodigy.

Tre anni dopo, grazie a un permesso simile, fugge di nuovo

Lascia un commento

Ultimi articoli

Condanna ridotta all’agente di Polizia Penitenziaria

All'assistente capo della Polizia Penitenziaria Paolo Zagarella, con qualifica di coordinatore, è stata ridotta la pena in...

Tik Tok: Droga e soldi

Dalla serie “Gomorra scansati” è arrivata l'evoluzione. La piattaforma social Tik Tok...

Garage allestito con giochi e marijuana

Un giovanissimo di quindici anni è stato scoperto e denunciato dai carabinieri della Compagnia di San Giovanni...

Estorsioni a viso scoperto

Il nuovo clan di Siracusa, che in tutto e per tutto si sostituisce al vecchio, sta impadronendosi...
- Advertisement -

Caso Saguto: Tutti condannati

L'ex giudice Silvana Saguto è stata condanna a 8 anni e 6 mesi di reclusione nel processo...

Caso Saguto: Procura chiede 15 anni

Al via l'ultima udienza, presso l'aula bunker del carcere Malaspina di Caltanissetta, che vede imputata Silvana Saguto,...

Articoli popolari

Condanna ridotta all’agente di Polizia Penitenziaria

All'assistente capo della Polizia Penitenziaria Paolo Zagarella,...

Tik Tok: Droga e soldi

Dalla serie “Gomorra scansati” è arrivata...
SOSTIENICI

Potrebbero interessartiHOT NEWS
Ecco cosa hanno letto i nostri lettori

Lascia un commento