Operazione Varenne: droga smerciata in tre province

Traffico di stupefacenti in tre province con rifornimenti da Palermo e Catania grazie alle 'ndrine.

Must Read

Sono accusate di traffico di sostanze stupefacenti tra Siracusa, Catania e Palermo, le dodici persone coinvolte nell’operazione dei carabinieri denominata Varenne, coordinata dai magistrati della Procura di Siracusa. 

In carcere sono finiti: Salvatore Di Fede, 46 anni, Claudio Barone, 37 anni, Massimo Toromosca, 46 anni, Francesco Paolo Zuccarello, 49 anni, Daniele Ali’, 34 anni, Sebastiano Galeota, 42 anni, Giuseppe Bronzo, 41 anni, Giuseppe Greco, 52 anni, e Francesco Campanella, 32 anni, mentre hanno rimediato il divieto di dimora nella provincia di Siracusa, come disposto dal gip di Siracusa, Giovanni Pasqua, 52 anni, e Rosario Sicurella.

Una persona, per il momento, e’ sfuggita alla cattura ma sono in corso le ricerche per rintracciarla.

L’indagine, che si e’ avvalsa delle intercettazioni telefoniche ed ambientali, ha avuto inizio nell’agosto del 2018 con l’arresto di Di Fede, conosciuto negli ambienti della droga come il pelato, trovato con 9 chili di hashish.

Secondo i carabinieri, Di Fede avrebbe avuto un compito importante, quello di acquistare stupefacenti e smistarli a diverse reti di spaccio di Siracusa nonostante fosse ai domiciliari.

Sempre, secondo gli inquirenti, questo traffico sarebbe riuscito grazie alla collaborazione di Toromosca e Barone.

I canali di rifornimento di Di Fede, secondo quanto emerso nell’indagine dei carabinieri, sarebbero stati Giovanni Pasqua, palermitano, e Rosario Sicurella, catanese, quest’ultimo specializzato nella compravendita di cocaina, grazie alle sue conoscenze con gruppi calabresi.

Importante, per gli inquirenti, anche la figura di Barone, che sebbene ai domiciliari, si sarebbe recato, di tanto in tanto, a Palermo per l’approvvigionamento di droga. A questi viaggi avrebbe partecipato anche Toromosca, che si sarebbe ritagliato il ruolo di ‘mulo’.

L’operazione e’ stata deniminata ‘Varenne’, per il ruolo centrale del palermitano Pasqua, che lavora nel mondo dell’ippica.

Nel corso delle indagini, coordinate dal Procuratore aggiunto Fabio Scavone e del sostituto Marco Dragonetti, sarebbe emerso un altro gruppo siracusano dedito allo spaccio, composto da Galeota, Bronzo e Greco: si sarebbero resi autonomi da Di Fede, procurandosi autonomamente la droga e trovando come contatto il canale palermitano.

Ultime Notizie

Narcotraffico: Da Grande Aracri a Santapaola e giù a Siracusa

Un’inchiesta che mira dritta al traffico degli stupefacenti in Sicilia, in particolare a Catania e a Palermo,...

Colpo al narcotraffico: sequestro di 1000 piante

Sono state sequestrate circa 1000 piante di cannabis indica in due diversi terreni a Reggio Calabria. La scoperta delle...

Siracusa: Che fine ha fatto l’antimafia?

In questi mesi, un pò tanti, l'antimafia civile è scomparsa e sembra che quella regionale faccia orecchie da mercante.

Piazze di spaccio: sequestrate droga e armi

Gli agenti della Questura di Siracusa, nella giornata di ieri, hanno compiuto tre arresti intorno alle due famose piazze di spaccio di...

Davide Cassia attacca con insulti

Pubblichiamo il secondo articolo delle parole che Davide Cassia ci ha rivolto. Questa volta potrete ascoltare direttamente le sue parole, e delle...
- Sostienici, pubblicizza la tua attività -

Articoli che potrebbero interessarti

- Sostienici, pubblicizza la tua attività -