Il caso Borsellino:L’informativa Caronte al centro della strage

Una sentenza storica che rispolvera la verità, adesso caccia al dossier Mafia-Appalti.

I nostri lettori hanno letto

Maurizio Inturri
Si occupa di mafia e criminalità organizzata. Ha collaboratorato con diverse testate giornaliste online e cartacee. Il suo percorso inizia nel lontano 2015 con ReteRegione, poi collabora con LaSpia, Diario1984, L'Attualità, Cisiamo e infine IlFormat. Nel gennaio 2020 si iscrive al sindacato WorKPress e gli viene attribuito il tesserino internazione di giornalista e reporter come da normativa europea e internazionale. Ha partecipato a diverse conferenze sul tema mafia e criminalità organizzata. Autore dei libri Cogito ergo sum..ma non troppo (2015) e L'Antistato vol.I° (2019)

Le motivazioni del Borsellino Quater mettono in luce un quadro più logico, spazza via complottismi di ogni genere, rivaluta “vecchie interviste” – come quella di Agnese Borsellino – e chiarisce che non ci fu nessuna “trattativa Stato-Mafia” che accelerò la strage; insomma, crea “Il caso Borsellino”. Le motivazioni della sentenza sul “Borsellino quater” confermano quanto…

Questo contenuto è riservato ai soli abbonati di Abbonamento Annuale, Abbonamento Semestrale, e Abbonamento Trimestrale
Accedi Registrati.

- Advertisement -

Potrebbero interessarti

Iscriviti alla nostra newsletter

Ultime Notizie

error: Contenuto riservato agli abbonati !!