Visto e considerato che non rispondi mostrando le prove,io mostro le mie,potresti mostrare le tue?

Rimango sbalordito dal polverone che stai sollevando,carissimo Paolo Borrometi,tramite l’ascesa in campo di altri giornalisti come Ruotolo e l’uso che stai facendo dell’associazione Articolo 21 e di Antimafiaduemila.

Anziché rispondere punto per punto,cosa che ad oggi nei tuoi post e articoli non hai fatto,stai nascondendoti dietro quella “scorta mediatica” che hai voluto tanto ma che non riuscirà mai a rompere i “silenzi,omertà e sistemi”.

Il mio commento è ancora lì senza risposte e nessuno prova a commentare..chissà perché!

Leggendo gli articoli delle varie testate giornalistiche mi rendo conto (ma questo è noto a tutti) che chi non la pensa come te “tace” e chi vorrebbe e dovrebbe chiarezza “rimane silente per paura”.

Pensavo che fare giornalismo servisse a scrivere la verità e non togliere meriti,soprattutto se come tu spesso scrivi “rimaniamo uniti contro la lotta alla “criminalità organizzata”,ma qui,in questi giorni,si sta tentando di censurare tutto e tutti.

Nessuno vuole toglierti meriti,ma tu non puoi toglierli agli altri…questo è rispetto recriproco!

Allora,a questo punto,faccio chiarezza “documentale” perché nella città di Avola cittadini,inquirenti,giornalisti abbiano le idee chiare una volta per tutte!

[foogallery id=”3457″]

RICORDI QUESTI MESSAGGI??

Potresti scrivere a Sandro Ruotolo e al direttore di Ossigeno e farti spiegare il perché dopo due anni non mi hanno risposto oppure l’iter deontologico,per quanto riguarda i tuoi articoli,esattamente quello di accertarsi sulle notizie e inchieste su Avola non vale?

Email a FANPAGE
Email a Ossigenoinformazione

Carissimo Paolo B.,potrai essere un grande,ma Avola è sempre Avola e molte delle persone che hai citato (sbattendole prima in un clan poi in un altro) li conosco bene..

Avola non è mai stata tua zona d’inchiesta e da oggi neanche la mia!

Io chiudo qui quella che pensavo fosse la “cultura dell’informazione” che doveva far rinascere un “popolo”.

Tu continua a querelare tutti,io lascio questo compito agli inquirenti,però qui lo scrivo pubblicamente:

qualsiasi cosa dovesse accadermi o accadere alla mia famiglia,ti ritengo responsabile!

Infine,ma non meno importante,per il tuo attentato chi è in carcere a scontare la pena?

Tutti abbiamo letto l’articolo del Diario1984 (qui per i lettori) che designa una versione,qui l’articolo pubblicato sulla tua testata LaSpia(qui per i lettori),ma possiamo sapere e vedere cosa dice la sentenza?

Purtroppo in Sicilia siamo come San Tommaso…vogliamo toccare i fatti,quelli che nessuno vede,ma i suoi attentatori sembrano quasi tutti liberi…Le chiedo questo per capire e far capire a tutti chi è in arresto,imputato e condannato per un attentato con autobomba nei suoi confronti!

Comunque,Avola non dovrà più preoccuparsi di Maurizio Inturri,sempre se gli stessi avolesi mi lascino in pace!

Maurizio Inturri

Lascia un commento!

Quanto è stato utile questo articolo?

Fai clic su una stella per votarlo!

Voto medio / 5. Conteggio voto:

Cosa hai trovato di utile in questo articolo...

Seguici sui social media!

Siamo spiacenti che questo post non sia stato utile per te!

Miglioriamo questo post!

Commenta l'articolo