Sindaco di Avola dott.Cannata

Intere pagine di carta stampata per accusare le istituzioni. Era questa la par condicio del sindaco Cannata?

Non ci sono parole per rinnegare il comportamento di assoluto disprezzo,che da circa un mese,il sindaco Luca Cannata rivolge al commissariato di Polizia di Stato e procuratori.

Inammissibile che la giornalista Laura Valvo,della testata La Sicilia,non rivolga una degna domanda di cronaca,anzi sembra accompagnare un’arringa o meglio coadiuvare l’attore principale nel “teatro dei pupi siciliani“.

Questioni irrisolte e urgenti:

Fatto:

Da trent’anni l’acqua si accumula davanti l’ospedale,la via Siracusa e altri quartieri.

Fatto

Le continue interruzioni di distribuzione di acqua da parte delle centrali di Contrada Gallina.

Fatto

L’installazione delle telecamere nelle isole ecologiche,a spesa delle casse comunali,e la disinstallazione delle stesse,con relativa chiusura delle isole ecologiche.

Fatto

Proprio il giornalista Paolo Borrometi e il senatore Giarrusso,guarda caso non intervistati dalla giornalista,sollevarono il problema delle elezioni del 2017 e non solo…perché sono spariti dalla scena avolese??

Fatto

Mai chiarita l’assunzione di alcuni dipendenti presso la ditta ecologia EF di Guglielmino.

Consideriamo una vergogna il comportamento tenuto dal sindaco Cannata ed una intimidazione contro le istituzioni a mezzo stampa.

L’amministrazione Cannata ha fatto sicuramente,ma non ha risolto le vere emergenze.

Come tutti,il sindaco dovrebbe avere rispetto e difendersi nelle opportune sedi,anzi difendere tramite l’avvocatura del Comune anche i funzionari e i dipendenti.

Spesso e inequivocabilmente si è lasciato scappare,a proposito dei funzionari e dei dipendenti coinvolti nelle vicende giudiziarie che riguardano questo teatrino,qualcosa di simile:

Si sapranno difendere“.

Se la documentazione di cui il sindaco è in possesso e come dichiara,dalla sua interpretazione personale,non evidenzia reati,perché affidarsi alla stampa continuamente e ad un avvocato principe del foro?

Le esprimiamo solidarietà per quanto le sta accadendo,ma ringrazi l’omertà e poi si dimetta,questo comportamento non rispetta il ruolo che ricopre.

Lascia un commento

Collaboratore giornalistico indipendente,mi occupo di inchiesta sulla mafia e criminalità organizzata. Laureato in Scienze della Comunicazione Executive Master in Scienze Criminologiche Autore del libro Cogito ergo sum...ma non troppo,anno 2015 Autore del libro L'Antistato-Volume I°-L'inizio edito a marzo 2019