Torre Mura nazifascisti

È in forte aumento l’odio razziale in Europa e si muove con post,demagogia e spranghe nel silenzio assoluto.

Anche se a chiare lettere l’articolo 3 della costituzione italiana cita:

Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge,senza distinzione di sesso, di razza,di lingua,di religione,di opinioni politiche,di condizioni personali e sociali.

La discriminazione per alcune comunità,come i rom la cui minoranza è la più grande e perseguitata d’ Europa,sta alimentando “l’ideologia nazista” di quel genocidio vissuto nella seconda guerra mondiale.

In Europa,purtroppo il pregiudizio antiziganista è rimasto indenne fino ad oggi e a dimostrarlo sono l’aumento dei crimini di odio e gli attacchi contro i 10-12 milioni di abitanti,nonché il problema mediatico dei politici ad affrontare la questione e riconoscerne apertamente l’esistenza.

Sta vincendo quel populismo di estrema destra che ha lanciato “attacchi di odio e pregiudizi” contro i rom.

Non solo l’Italia delle ruspe,ma anche dalla Francia all’Ungheria,le comunità e i campi rom sono oggetto di violenza e minacce.

Malgrado il Consiglio d’Europa tenga conferenze sul tema e hanno discusso con alcuni membri dell’UE dei modi per prevenire gli attacchi antiziganisti,l’Italia in particolare ha visto un’intensa concentrazione di crimini di odio contro i rom negli ultimi mesi.

Principali antiziganisti sono riuniti in coalizioni di bande neofasciste e gente arrabbiata nei sobborghi romani.

Nel video che segue vedrete uno dei momenti che abbiamo appena descritto.

In U.S.A.,i tabloid accusano di incitamento all’odio contro i rom di Roma Matteo Salvini,accusandolo di aver fatto di tutto persino di chiedere la “sterilizzazione di una madre rom bosniaca” in quanto accusata di furto.(fonte The Indipendent)

Dijana Pavlović,attrice italiana di origine serba e attivista rom,portavoce del movimento antirazzista Kethane,intervistata dal giornalista Andrea Carlo,ha affermato:

Sembra di vivere una guerra.Il numero di insulti e attacchi verbali è decisamente aumentato negli ultimi anni e sono sinceramente impaurito per il futuro di mio figlio”.

Dijana Pavlović
Dijana Pavlović

Nel continuo dell’intervista ha aggiunto:

In Italia,pochissime persone sanno qualcosa della storia e dell’identità dei rom. Quando hai anche i mass media [italiani] che conducono una campagna di odio contro la comunità Rom per 15 anni, è chiaro che siamo diventati un capro espiatorio nazionale”.

E’ doveroso ricordare che le comunità Rom hanno una lunga storia e una forte cultura:dal flamenco all’arte ad alcune delle parole dell’inglese stesso,la comunità rom ha modellato il tessuto dell’identità europea,inoltre hanno vissuto l’orribile persecuzione che hanno subito in milioni sotto la Germania nazista.

E’ nostra opinione che ogni individuo,indipendentemente dal proprio passato,deve essere ritenuto legalmente responsabile delle proprie azioni,ma giustificare passivamente la discriminazione antiziganista sulla base di una minoranza di romani che commette reati è ancora più scioccante quando proviene da coloro che pretendono di opporsi a tutte le forme di fanatismo e odio.

Lascia un commento

Collaboratore giornalistico indipendente,mi occupo di inchiesta sulla mafia e criminalità organizzata. Laureato in Scienze della Comunicazione Executive Master in Scienze Criminologiche Autore del libro Cogito ergo sum...ma non troppo,anno 2015 Autore del libro L'Antistato-Volume I°-L'inizio edito a marzo 2019