Vi siete mai chiesti cos’è una “mattanza” e da dove deriva il nome? Perchè se non lo avete mai fatto e capito,non potrete mai provare empatia verso questi uomini e donne,”fratelli,che ci difendono per poco meno di 1.500 euro!

In Italia,in quanti si sono chiesti se alle forze dell’ordine è intitolata una strada,un quartiere,una targa o un giorno particolare in ricordo degli agenti e militari caduti in servizio?

In quanti hanno partecipato attivamente manifestando disappunto per quel “mondo che ruota attorno gli appartenenti alle forze dell’ordine”,con:t-shirt, bandiere,manifestazioni,presenza nelle aule di tribunali o fuori i palazzi di giustizia dove erano in corso i processi contro i loro assassini?

Al di là di numeri non abbiamo mai letto nient’altro;gli unici cortei che abbiamo visto sono stati attorno alle “bare” di questi uomini disgraziati dopo la loro morte avvenuta in modo “vigliacco”,ovviamente…

Proprio come avvenuto durante i funerali degli agenti uccisi a Trieste…naturalmente dopo apprezzamenti e diffamazioni tramite i vari social!

Sparatoria Trieste, l’omaggio di tutte le forze dell’ordine – Video Repubblica

2 views

E’ più facile dargli addosso quando si difendono o eseguono ordini,ma una intervista a questi uomini (dopo la morte di Falcone e Borsellino) l’avete vista?

Eccezion fatta,stile vigliacchi,solo quando uno di “loro” si suicida;ma mai scoprire,anche con una inchiesta giornalistica,il perché arrivano a tanto,il tutto deve essere un “tabù”!

Però per Stefano Cucchi – per carità – moralmente si è fatto anche di più,e quale differenza allontanerebbe Stefano da Mario Rega o Emanuele Anzini,Vincenzo Carlo Di Gennaro,Emanuele Reali,Silvio Mirarchi,Antonio Taibi e via dicendo….

Saluto a Cerciello Rega

1 view

Ma oltre ai Carabinieri,vogliamo vedere tra gli agenti di polizia di Stato che succede:

Polizia di Stato 2.646, in pratica una ogni 3 ore e mezzo.

Arma dei Carabinieri 1.210 episodi pari al 45,7%.

1.264 gli episodi che hanno visti protagonisti i restanti militari e agenti delle altre forze dell’ordine (militari della GdF,agenti C.F.S.,agenti di PP,agenti di Polizia Municipale ecc)

Scusate,ma una “statua rappresentativa” in ogni Comune e una giornata che non sia solo commemorativa,questi uomini e donne non se la meritano?

Forse le “sfilate” fanno comodo solo ed esclusivamente se vengono assassinati?

Forse non ci sbagliamo quando parliamo di un’antimafia di facciata,lontana dalla realtà,dall’empatia e solidarietà a chi ogni giorno cerca di proteggerci?

Rimaniamo dell’opinione che delle violenze contro le divise dovrebbero preoccuparsi per primi i cittadini ancor prima dei sindacati e dei politici di turno,visto e considerato che la violenza è ormai diventata tracotante e di fatto quasi impunita.

Lascia un commento

Collaboratore giornalistico indipendente,mi occupo di inchiesta sulla mafia e criminalità organizzata. Laureato in Scienze della Comunicazione Executive Master in Scienze Criminologiche Autore del libro Cogito ergo sum...ma non troppo,anno 2015 Autore del libro L'Antistato-Volume I°-L'inizio edito a marzo 2019