Giovanni Taormina

Giovanni Taormina,ieri mattina,ha trovato sul sedile della sua auto fiat Croma,posteggiata sotto casa e chiusa con chiusura centralizzata,tre proiettili ed ha avvisato immediatamente le forze dell’ordine che giunti sul posto,hanno confermato che i proiettili sono dello stesso calibro dell’altra volta, 6,35”;circa quattro mesi fa fu recapitata al giornalista,presso la sede RAI di Udine,una busta contenente due proiettili e una foto col suo volto cerchiato e coperto da una croce.

Taormina,giornalista della RAI,si occupa della questione legata alla “criminalità organizzata” da anni,ma ultimamente – cioè poco prima del primo episodio di minaccia – aveva intervistato il “super collaboratore di giustizia” Luigi Bonaventura,lo stesso che da anni collabora con diverse,forse tante,procure italiane dalla Calabria fino a Trieste.

Il Taormina con Bonaventura avevano toccato (durante l’intervista) il tema mafia – appalti,o più precisamente il terzo livello di Giovanni Falcone,perché proprio lì nel Friuli è scattato – grazie al contributo di Bonaventura – il primo 416-bis nella storia del Nord,a carico della ‘ndrina Iona.

clicca per continuare a leggere…

Lascia un commento!

Quanto è stato utile questo articolo?

Fai clic su una stella per votarlo!

Voto medio / 5. Conteggio voto:

Cosa hai trovato di utile in questo articolo...

Seguici sui social media!

Siamo spiacenti che questo post non sia stato utile per te!

Miglioriamo questo post!