Come a FAVIGNANA (per chi non lo sapesse, Principale isola dell’arcipelago delle isole Egadi, che si trova a circa 7 km dalla costa occidentale della Sicilia, tra Trapani e Marsala) già le avevano studiate tutte pur di non perdere la tradizione millenaria della mattanza, ora, la tradizione di lasciare senza scorta chi persegue la mafia è ripartita!

Grazie ad un emendamento approvato dal Senato, che consente a tutte le tonnare fisse (elencate nell’allegate C del decreto del Ministero del 17 aprile 2015, e tra queste anche Favignana) di essere incluse nella ripartizione delle quote tonno aggiuntive assegnate dall’Unione europea all’Italia, sull’isola la tonnara o meglio la ” mattanza “, è ripartita,così come l’eliminazione delle scorte..una bella mattanza!

Ma, in Sicilia, LA MATTANZA non è mai finita…intendo quella mafiosa e del potere.

Giustizia, verità, legalità insieme a giornalisti, blogger, aspiranti giornalisti, forze dell’ordine e magistrati siamo stati spinti in quell’ultimo compartimento in attesa di essere arpionati…c’era d’aspettarselo!

Abbiamo avuto (per dirla calcisticamente) la possibilità di giocarci la partita della vita, ma abbiamo sbagliato; in una squadra dove ognuno vuole essere individualista e non per la squadra ed un obiettivo comune, si perde sempre!

Abbiamo creato differenze e diffidenze!

Oggi, che lo Stato inizia a pensare di togliere le scorte, ALCUNI cercano di riappacificare la situazione scrivendo che anche blogger e aspiranti giornalisti, in Italia, sono minacciati e aggrediti.

Purtroppo, il tutto, è ben lontano dalla realtà se non si mette ” tutto sul piatto “.

Chi non è giornalista ed ha deciso di denunciare la mafia e il malaffare, sapeva a cosa andava incontro e i rischi, certo non sapeva che sarebbe stato abbandonato se non fosse diventato personaggio pubblico o aiutato da qualche politico di alto livello, ma nelle decisioni politiche di togliere o meno la scorta a chi ce l’ha, nulla gli cambia, in quanto chi aveva il dovere di tutelarlo (dopo minacce,aggressioni,denunce e intimidazioni) lo ha lasciato in disparte, per di più oscurando o censurando le sue denunce pubbliche !

Adesso è il momento di capire come riorganizzare l’informazione e la professione giornalistica, che certamente non è al passo né con gli standard dei Paesi europei né con i percorsi di laurea.

Lascia un commento!

Quanto è stato utile questo articolo?

Fai clic su una stella per votarlo!

Voto medio / 5. Conteggio voto:

Cosa hai trovato di utile in questo articolo...

Seguici sui social media!

Siamo spiacenti che questo post non sia stato utile per te!

Miglioriamo questo post!

Collaboratore giornalistico indipendente,mi occupo di inchiesta sulla mafia e criminalità organizzata. Laureato in Scienze della Comunicazione Executive Master in Scienze Criminologiche Autore del libro Cogito ergo sum...ma non troppo,anno 2015 Autore del libro L'Antistato-Volume I°-L'inizio edito a marzo 2019

Commenta l'articolo