Siracusa. E’ Franco Satornino, 64 anni,il nuovo collaboratore di giustizia che potrebbe far scattare un nuovo blitz.

Arrestato e considerato il capo di una cellula di trafficanti di droga,ha iniziato a collaborare con la giustizia nello scorso mese di luglio e sarà il principale testimone della pubblica accusa al processo scaturito dall’operazione antidroga denominata “Aretusa”.

Nelle sue dichiarazioni ha riferito alla procura della DdA di Catania:nomi e cognomi dei componenti del suo gruppo,le generalità al completo dei trafficanti di droga delle province di Palermo e di Catania,nonché il luogo dove acquistava l’ingente quantità di stupefacenti che poi rivendeva ai tossici residenti nella città capoluogo ed in altri comuni della provincia di Siracusa.

Il dolce è servito!

A Siracusa e provincia lo spaccio degli stupefacenti continua nonostante gli arresti e i differenti blitz che hanno colpito diversi personaggi e con le dichiarazioni di Satornino si  conferma il polo dello spaccio e della distribuzione per tutta la provincia.

Satornino ha riferito dettagli anche dei coimputati nonché del defunto Luigi Cavarra, ex appartenente al clan mafioso “Attanasio- Bottaro”.

Nella scorsa udienza,il Pubblico Ministero La Rosa ha esaminato in videoconferenza “Nini Tistuni” di Floridia,all’anagrafe Antonino Correnti,che alcuni anni fa venne fatto bersaglio di una sventagliata di proiettili mentre alla guida del proprio scooter si stava recando nel bar da lui gestito.

Antonino Correnti è stato per alcune settimane tra la vita e la morte ma, alla fine, è riuscito a salvare la vita e, dopo che i suoi attentatori cercarono di bruciargli la macchina, decise di fuoriuscire dal clan mafioso di Noto di cui era un sodale e iniziò a collaborare con la giustizia.

Gli altri coinvolti nell’operazione antidroga denominata “Aretusa” sono:Agostino Urso,Gianfranco Bottaro,Daniele Romeo,Andrea Abdoush,Salvatore Catania, Umberto Montoneri,Concetto Antony Magnano, Massimiliano Midolo, Lorenzo Giarratana, Luigi Urso, Franco Satornino, Gianfranco Urso, Salvatore Silone, Salvatore Quattrocchi,Sebastiano Ricupero, Lorenzo Vasile, Massimiliano Romano, Francesco Fontana, Christian Maria Terranova, Francesco Calì e Angelica Midolo.

Gli imputati sono assistiti dagli avvocati Matilde Lipari, Giuseppe Lipera, Giorgio D’Angelo, Junio Celesti, Stefano Rametta, Giambattista Rizza, Antonio Lo Iacono,e quasi tutti debbono rispondere di associazione finalizzata al traffico delle sostanze stupefacenti e una parte solo di violazione dell’articolo 73 della legge sugli stupefacenti ovvero di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

Lascia un commento

Collaboratore giornalistico indipendente,mi occupo di inchiesta sulla mafia e criminalità organizzata. Laureato in Scienze della Comunicazione Executive Master in Scienze Criminologiche Autore del libro Cogito ergo sum...ma non troppo,anno 2015 Autore del libro L'Antistato-Volume I°-L'inizio edito a marzo 2019